Visitare Ravenna e la vacanza si riveste d’arte e di storia…

In vacanza con la famiglia al Club Family Aparthotel Costa dei Pini, 3 stelle a Pinarella di Cervia vuol dire trovarsi a 35 minuti di macchina dal centro storico di Ravenna.

Nota soprattutto per i suoi 8 monumenti dichiarati Patrimonio Culturale dell’Umanità 25 anni fa dall’UNESCO, Ravenna è stata uno dei principali centri culturali, economici e politici del Mediterraneo, e addirittura capitale di ben tre diversi imperi tra il V e il VI secolo.

Allora quale migliore occasione di un soggiorno al Costa dei Pini per fare un giro per questa meravigliosa città ricca d’arte e di bellezza?

Ravenna di bellezze da mostrare ne ha davvero tante, dopotutto è una città dalla storia antica e molto articolata, che ha le sue origini nel IV secolo a.C. e noi vogliamo proporti di visitarla in un modo diverso, non come capitale dell’Impero Romano d’Occidente o gota e neppure bizantina.

Quello che ti proponiamo è un percorso archeologico per Ravenna un pò più originale e meno noto, che affascinerà senza dubbio tutta la famiglia e, visto che siamo in estate, permetterà a tuoi figli di stare all’aria aperta, quindi non dimenticare i cappellini e la protezione solare!

Antico Porto di Classe

Iniziamo dall’Antico Porto di Classe che si trova fuori dal centro di Ravenna e perciò è il primo sito archeologico che incontrerai nella campagna ravennate.

Questo parco archeologico di quasi 10.000 mq, con i resti degli antichi magazzini e la strada di ampie pietre di trachite che conduce alle banchine, farà fare alla tua famiglia un vero salto nel tempo fino al V, VI secolo..

Sarà divertente immaginare insieme ai tuoi figli il traffico di soldati prima e di merci dopo, che questo porto sostenne per secoli, e provare a seguire il tracciato del lungo canale di cui ora non resta che qualche traccia d’acqua.

L’ingresso al parco archeologico ha un costo di € 5,00 ed è gratuito per bambini e ragazzi fino ai 18 anni e ovviamente per persone disabili, alle quali è totalmente accessibile. Su prenotazione si può partecipare a visite guidate di circa un’ora, ma per maggiori dettagli puoi contattare direttamente il parco  0544 478100.

Basilica di Sant’Apollinare in Classe

Ti consigliamo di arrivare al mattino presto, per evitare le ore più calde, che invece ti suggeriamo di trascorrere al fresco della splendida Basilica di Sant’Apollinare in Classe.

Non puoi passare con i tuoi figli così vicino e non visitare il più grande esempio di basilica paleocristiana dopotutto! Magari breve, ma una visita occorre farla prima di recarsi verso il centro ravennate, ne guadagnerà senz’altro qualcosa tutta la famiglia, fosse anche solo un po’ di refrigerio, ma siamo certi che ognuno porterà via molto di più.

Entrando a Ravenna dalla Romea ti suggeriamo di parcheggiare l’auto in uno dei primi parcheggi che troverai, sia liberi che a pagamento e di proseguire a piedi su via Roma.

Palazzo di Teodorico

La seconda tappa di questo percorso archeologico è il Palazzo di Teodorico. Queste resta architettoniche non si sa bene a cosa servissero, perciò è cosidetto di Teodorico: alcuni studiosi affermano che si tratti di ciò che rimane di un antico corpo di guardia a presidio dell ‘accesso alla residenza degli esarchi, i governatori incaricati dall’imperatore di Bisanzio; altri affermano siano i resti del porticato della chiesa San Salvatore ad Calchi, andata completamente distrutta.

Cosa vedrai qui insieme alla tua famiglia? Ebbene resterai a bocca aperta davanti agli splendidi resti di mosaici pavimentali rinvenuti intorno all’area del palazzo e conservati nella sala superiore. Inoltre non dimenticare che ti trovi a pochi metri dalla bellissima, anche se molto discreta, Basilica di Sant’Apollinare Nuovo,  dove ammirare altri luminosissimi mosaici, che hanno fatto di questa basilica palatina e convertita all’ortodossia cattolica patrimonio Unesco.

Il Palazzo è visitabile solo al mattino dalle 8,30 alle 13,30, perciò non tardare a visitarlo, e il costo è di soli € 2,00, gratuito per i minori di 18 anni e i disabili.

A questo punto ti consigliamo di scegliere dove pranzare.  Lì vicino trovi sia “laboratorio del palato”, dove gustare una deliziosa e originale piadina, oppure il ristorante Ca’ de Vèn, un informale osteria tra mura del ‘400 dove deliziarti con un piatto della tipica cucina romagnola sorseggiando un buon calice di vino.

Proseguiamo…

Cripta Rasponi e Giardini Pensili del Palazzo della Provincia

Cripta Rasponi e Giardini Pensili del Palazzo della Provincia, la terza tappa di questa visita archeologica, sono in realtà due siti in uno. Il Palazzo della Provincia infatti è stato costruito sull’antico Palazzo Rasponi, risalente al XVII secolo, che ha conosciuto diverse trasformazioni e andò distrutto definitivamente da un incendio nel 1922. Dei resti della dimora dei Rasponi, se ne ammira oggi solo il nucleo più antico: la Cripta Rasponi appunto. In questa piccola cappella gentilizia di tre ambienti, oltre all’atmosfera intima e spirituale, potrai ammirare un bellissimo pavimento a mosaico del VI secolo, che in realtà proviene dalla Chiesa di San Severo.

A questo punto una sosta di relax e di frescura nei Giardini Pensili del Palazzo della Provincia te la sei davvero meritata. Potrai giocare con i tuoi figli e ammirare la fontana e la torre neogotica che domina il giardino .

Dato che ti trovi nel cuore della città di Ravenna a questo punto non resta che impegnarsi in una bella passeggiata e mentre ti rechi all’ultima tappa di questo tour archeologico, non puoi davvero non approfittare per passare sotto le mura ottagonali del Battistero Neoniano.

Questo monumento ravennate è uno dei più antichi, e ti assicuriamo che anche entrare a dare un’occhiata sarà senz’altro istruttivo e interessante per i tuoi figli, oltre che una gradevole pausa di frescura. Anche qui infatti sono custoditi marmi, stucchi e mosaici di interesse storico e artistico, oltre la vasca marmorea ottagonale che conserva ancora qualche frammento originale del V secolo, che ne hanno fatto uno degli 8 monumenti Patrimonio Culturale dell’Umanità.

Domus dei Tappeti di Pietra

Ma proseguiamo verso l’ultima tappa archeologica del tour: la Domus dei Tappeti di Pietra.

Uno dei più importanti siti archeologici italiani scoperti negli ultimi decenni. Si tratta di un ritrovamento di un complesso di strutture edilizie i cui pavimenti  in tarsia di marmo o a mosaico sono stati restaurati e ricollocati nel luogo originario, in un ambiente sotterraneo a cui si accede dalla chiesa di Sant’Eufemia.

Sarà una passeggiata davvero interessante dal costo di € 6,00, gratuita per i bambini sotto i 6 anni e anche accessibile ai disabili, l’importante è farla entro le 18,00, visto che la domus chiude mezz’ora dopo.

E dato che si trovano in zona come puoi non recarti a fare una veloce visita ad altri tre monumenti patrimonio Unesco? Anche se breve ne varrà senz’altro la pena, e renderà più completa  e ricca questa vacanza in famiglia con spirito archeologico.

Basilica di San Vitale

Ecco allora che la passeggiata porterà la tua famiglia ad ammirare la Basilica di San Vitale, uno dei monumenti più importanti dell’arte paleocristiana, e il prospiciente Mausoleo di Galla Placidia. Oltre la bellezza architettonica delle strutture, un veloce salto all’interno farà comprendere il perché anche questi luoghi siano considerati un vero patrimonio.

Ultimo, ma solo per facilitare il ritorno alla tua auto, è il Battistero degli Ariani, la cui cupola con i preziosi mosaici che la rivestono è di grande interesse, anche se purtroppo l’accesso all’interno è consentito fino alle 16,00, ma ammirarla da fuori è comunque interessante e renderà più completa la visita a questa splendida città di Ravenna..

Pronto per questo tour archeologico? Noi al Club Family Aparthotel Costa dei Pini, 3 stelle a Pinarella di Cervia non vediamo l’ora di aiutarti ad organizzarlo!