Tra borghi e castelli di Romagna e la tua vacanza al mare in famiglia diventa storica! 

Venire in vacanza sulla Riviera Romagnola con la tua famiglia vuol dire passare giornate meravigliose sulle spiagge più attrezzate e sicure della penisola; gustare piatti tradizionali preparati con passione; stendersi a bordo di una piscina sorseggiando una bibita fresca; riempirsi di felicità nel sentire le grida gioiose dei bambini che si divertano con giovani e simpaticissimi animatori.

Tutto questo è quello che sai di trovare quando scegli un soggiorno al Club Family Aparthotel Costa dei Pini, 3 stelle a Pinarella di Cervia, ma vogliamo farti scoprire che questa terra conosciuta per la sua ospitalità, ha anche una storia ricca tutta da vivere e respirare in antichi borghi e castelli.

Partiamo alla scoperta dei bellissimi borghi di Romagna?

Santarcangelo di Romagna

Iniziamo da quello più vicino, così anche se i tuoi bambini sono piccoli non dovrai fare troppa strada e a questa gita puoi dedicare anche un pomeriggio o una serata.

Santarcangelo di Romagna si trova a soli 25 minuti di macchina dal Club Family Aparthotel Costa dei Pini ed è un bellissimo borgo tutto da esplorare e da gustare. La tipica struttura di borgo fortificato medievale è ben riconoscibile anche da lontano.

Questo bel borgo è adagiato sul colle Giove, che con il suo reticolo di grotte tufacee, sulle quali si dibatte se siano antiche cantine o luoghi di culto, caratterizza decisamente non solo la cittadina, ma anche i diversi locali e osterie che hanno trovato proprio nelle grotte la loro ubicazione.

Non sfuggirà all’attenzione dei tuoi figli, l’immenso Arco Trionfale che i santarcangiolesi eressero in onore di  Papa Clemente XIV nel 1777, che si trova sull’ampia piazza centrale Ganganelli, dove si affacciano i bar più storici di Santarcangelo.

La Torre del Campanone, la Chiesa Collegiata, la Pieve di San Michele, Piazza delle Monache, passeggiare su  giù per i vicoli e le stradine di questo antico borgo sarà una continua scoperta, e un giro al MUSAS, il Museo Storico Archeologico dove è conservata tutta la storia del territorio, renderà la gita ancora più bella.

Non dimenticarti di andare alla Stamperia Artigiana, dove potrai acquistare il tovagliato tipico di stampe a ruggine e portare sulla tua tavola un po’ di questa terra.

Come concludere questa bella gita? Non puoi perdere l’occasione per gustare un piatto di gustosissime tagliatelle alla Sangiovesa, uno delle osterie più caratteristiche dell’entroterra.

Bertinoro

Più lontano, più piccolo, più raccolto ma dal panorama unico e spettacolare è Bertinoro, a soli 27 km dal  Club Family Aparthotel Costa dei Pini.

Questo antichissimo borgo domina una valle di dolci colline dove filari di vitigni di Albana e Sangiovese si perdono all’orizzonte. Quindi immagini già cosa ti aspetta giusto?

Bertinoro è infatti detto anche il Balcone di Romagna, perché la sua piazza principale, Piazza della Libertà, si affaccia proprio sulla campagna circostante regalandoti un panorama che in estate si tuffa letteralmente nell’Adriatico.

Alzando lo sguardo poi potrai ammirare la Torre dell’Orologio, che anticamente veniva usato dai naviganti da faro proprio per la sua altezza.

Voltando lo sguardo invece potrai ammirare la facciata della Cattedrale dedicata a Santa Caterina d’Alessandria patrona di Bertinoro, edificata nel XVI secolo.

Le vie acciottolate di questo borgo ti proietteranno un po’ fuori dal tempo, tutto parla del periodo più fastoso di Bertinoro: il Medioevo. Da non perdere è una visita a Palazzo Ordelaffi, antico palazzo municipale risalente al 1306, dove nella Sala della Fama potrai scoprire la storia di Bertinoro sulle tele del pittore Antonio Zambianchi.

Altra visita la merita senz’altro la Rocca antecedente all’anno 1000 e che ospitò anche il sommo poeta Dante Alighieri nel 1302, oggi sede di un importante museo interreligioso.

Infine non mancare di portare i tuoi figli nel cuore di Bertinoro ad ammirare la Colonna delle Anella, nota anche come colonna dell’ospitalità. Qualsiasi residente di Bertinoro sarà felice di raccontare alla tua famiglia la storia di questa colonna, dimostrando che qui l’ospitalità regna davvero

Ti trovi nel cuore della Romagna, circondato da vigneti, nel borgo dell’ospitalità…quante enoteche ed osterie pensi di trovare?!!

Dalla Ca’ de Bè, fornitissima enoteca dove mangiare sulla piazza principale, alla tradizionalista Osteria del Vignarolo, passando per l’Osteria Perbacco con i suoi locali caratteristici di vecchia cantina, non dovrai far altro che entrare e gustare uno dei piatti della cucina tradizionale romagnola e un ottimo calice di vino insieme alla tua famiglia.

Brisighella

Infine Brisighella, uno dei Borghi più Belli d’Italia, perciò come perdere l’occasione di visitarlo trovandosi ad un’ora di distanza?

Brisighella deve la sua espansione e valorizzazione ai romani, che costruirono la via Faentina proprio per portare il sale dalle Saline di Cervia a Roma passando proprio da qui.

Un antico borgo e i suoi tre colli, dove si trovano la Rocca del XV secolo, la Torre dell’Orologio ed il Santuario del Monticino: tutto quello che non puoi perdere in visita a Brisighella

Iniziamo dal borgo: un dedalo di vicoli e di scale scolpite nel gesso che portano nel centro storico. La strada più famosa è la Via degli Asini, totalmente coperta e dall’architettura davvero unica e originale. Costruita nel XVI secolo come opera difensiva, fu letteralmente inglobata dalle case che venivano nel tempo costruite e divenne passaggio per gli asini che trasportavano il gesso dalle cave e da qui il nome. Sarà divertente percorrerla insieme ai tuoi figli e raccontare loro questa bella storia.

Passiamo alla Rocca, edificata nel 1310 ancora oggi emana tutta la forza e il fascino di fortezza medievale con i fori per le catene dei ponti levatoi sopra la porta d’ingresso, i camminamenti sulle mura di cinta e le feritoie. Sarà una gita davvero ricca di fascino e se non bastasse la Rocca ospita il Museo l’Uomo e il Gesso, dove insieme ai tuoi figli scoprirai il rapporto tra uomo e il minerale che caratterizza Brisighella, lungo tutta la storia di questo borgo.

Altro sistema difensivo è La Torre dell’Orologio, fortilizio edificato con squadrati massi di gesso nel 1290 e che nel tempo ha subito diverse distruzioni e ricostruzioni, fino al 1850 quando vi fu posto l’orologio che la trasformò appunto in quello che puoi ammirare oggi. Sfida i tuoi figli digitalizzati a leggere le ore sul quadrante a sei ore di questa antica torre, sarà sicuramente divertente spiegarli l’analogico!

Il Santuario della Madonna del Monticino risale al 1758 e fu costruito su una cappella che custodiva l’antica immagine sacra in terracotta datata 1626. All’interno ammirevoli sono anche gli affreschi del pittore faentino Savino Lega del 1854, ma sicuramente i tuoi figli vorranno vedere il vicino Museo Geologico, ricavato dalla cava di gesso ormai chiusa.

Anche a Brisighella per gustare un ottimo piatto della cucina tipica romagnola non dovrai far altro che entrare in uno dei tanti locali che qui sono soprattutto nelle antiche grotte scavate nel gesso, come il ristorante La Grotta, Osteria di Guercinoro o la Cantina del Bonsignore, ma se preferisci location più eleganti ti consigliamo la trattoria La Casetta con i tavoli all’aperto affacciati su un bel giardino.

Romagna terra dell’ospitalità, della buona cucina, di borghi antichi e tutta da scoprire!